Etiopia magica

 
Gheralta
Alberto Vascon e Bianca Cremonesi, marzo 2001
 
 
Il Gheralta Ť un grande gruppo di guglie, picchi, torrioni di arenaria rossa che ricordano le Dolomiti e si elevano per quattro-cinquecento metri sull'altopiano a sud di HauziŤn, nel TembiŤn settentrionale. Raggiungono i  2640 m. con il monte GamŤr. Nelle pareti  di questi monti, in luoghi di difficile accesso, sono state scavate una trentina di chiese, che risalgono al XIV secolo. Le pareti interne sono decorate con motivi sacri dipinti direttamente sulla roccia. I monti del Gheralta sono raggiungibili con un fuoristrada, ma per visitare le chiese Ť necessario accampare ai piedi dei monti e programmare una giornata per ogni chiesa.

Ogni giorno i preti salgono sui monti per la messa, che dura tre ore:  il sabato e domenica dalle 6 alle 9, il mercoledž e venerdž dalle 3 alle 6 di pomeriggio, gli altri giorni dalle 9 alle 12. Se non si arriva alla chiesa prima che finisca la funzione, Ť necessario salire col guardiano, che di solito abita in un hudmÚ ai piedi del monte.

I contadini si recano sui monti tutti i giorni a pregare piý o meno a lungo in relazione al loro tempo disponibile.

 

 

Il Gheralta visto dalla strada nazionale

L'Amba Tsion e l'Amba Debra Mariam, estremitŗ nord del Gheralta

Magŗb

Debra Mahŗr

Amba TsiÚn

Salita all'Amba TsiÚn

La piana di HauziŤn

Chiesa dell'abuna Abraham

Antico ventaglio di preghiera

Dugým

La chiesa di Dugým SellassiŤ Ť l'unica scavata nella pianura

Salita a QorqÚr Mariam

Questo Ť l'unico accesso all'amba

Sullo sfondo si vede il picco di Guh

La Fontana della Vita

Eva mangia il fico d'India

Abramo e Isacco

Guh

A 200 metri di altezza Ť scavata la chiesa dell'abuna Imatŗ

Chiesa di Abrahŗ e Atsbhŗ ad Aibŗ
Questa chiesa Ť appena fuori dal Gheralta sulla strada per UcrÚ

I dipinti sono su tela incollata alle pareti

Abuna SamuŤl del Uoldebbŗ

I re di Aksum con Abba Salama

 

 
Le chiese del Gheralta

 

 
e-mail
 

Copyright

 
All photographs and articles on this web site remain
the copyright of their respective authors.
 
Etiopia magica